• Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

Mondo Reale

“Mondo Reale” significa faticare tutto il giorno per produrre oggetti inutili...
rendere altre persone più povere e infelici d'animo ma apparentemente ricche e tronfie di smania di possesso!!
Significa politiche da ufficio,
polizze assicurative,piani pensonistici,obiettivi d'efficienza,presentazioni Powerpoint
....riscossione dei crediti,addebitamenti e leccaculo aziendali....
Questo è il MONDO REALE....

     “Mondo Reale” manca di gioia,ma abbonda di sensatezza e puntualità!
     Il “Mondo Reale” manca di gioia,ma abbonda di sensatezza e puntualità!

Quanto crudeli sono i burocrati gli insegnanti,gli strozzini che ci dicono che le nostre visoni,
le nostre fantasie sono uno spreco di tempo...

Se avete la testa tra le nuvole,riuscite a vedere il mondo con maggior chiarezza....
Forse è per questo che tanti poeti e visionari muoiono giovani o finiscono alcolizzati:
perchè quando riesci a vedere da vicino la verità....è insopportabile!!!

Il poeta crea le cose....porta gioia al mondo e racconta la sua versione
a chiunque voglia ascoltare...

     Anche questo è REALE....
     Il “Mondo Reale” manca di gioia,ma abbonda di sensatezza!

E' facile meditare...
Una finestra è tutto ciò di cui si ha bisogno...
Guardare fuori dalla finestra è meditare
anche se i miei insegnati preferivano chiamarlo sognare a occhi aperti...
Ma le finestre sono gratis...
sono ovunque
ce ne sono sui treni,sugli autobus
e quasi tutte le case ne posseggono in abbondanza...quindi....

Leggete una poesia...
trovate una sedia...
sedetevi accanto ad una finestra...
E' tutto quello che serve!!!!!...

Anche questo è REALE....
     Il “Mondo Reale”
     Il mondo...che loro chiamano Reale!

-

Il pezzo è nato grazie ad un giro di Dave che quella sera era con noi in sala prove: è partito col un loop di synth digitale in FM, velocissimo e coinvolgente, Simone lo ha seguito con un a batteria Drum&Base e Sara e Sacha si sono lasciati trascinare. Alla fine pensiamo sia venuto fuori un pezzo pieno di entusiasmo creativo.

Massimo quella sera non era in sala e le chitarre che sono venute dopo sono state illuminanti sul ritornello!
Leonardo, il fonico dell'album, inoltre in fase di registrazione ci ha messo del suo sulla strofa con tremoli, effetti etc etc... insomma il risultato è un pezzo trascinante con un sound della strofa vagamente retrò.

Pezzo decisamente trascinante, guidato da un synth ipnotico il brano si muove su di un beat in stile jungle dove la batteria, dai suoni acustici ed elettronici, dà il giusto tiro a cui si appoggia il basso che accompagna chitarre dal suono graffiante. Il tutto a creare un' atmosfera allegra e scoppiettante che va di pari passo con la linea melodica della voce. Voce che descrive appunto il “mondo reale” in termini pungenti ed ironici.

Le strofe filano guidate da linee di basso che richiamano il funky fino ai ritornelli che esplodono spinti da chitarre distorte, accattivanti e decisamente rock! Il bridge è spinto da un beat tiratissimo dove la batteria la fa da padrone seguita dal basso che gonfia a dovere per poi sfociare nella parte finale del brano in cui, come nei ritornelli, il suono diventa rock senza mezzi termini. In tutto questo giocano un suono importante synth ed effetti che colorano ed accompagnano il brano senza essere invasivi o fuori posto.

Il testo è tratto da L'ozio come stile di vita del carissimo ispiratore mentore di Sara: Tom Hodgkinson.
Essa si identifica in questo scrittore, vive gli stessi stati d'animo con lo stesso approccio mentale e vorrebbe essere talmente equilibrata e diretta da riuscire a scrivere di getto con la sua stessa lucidità ferace.
Purtroppo ancora risente di tanta educazione "nonnesca" e perciò si affida alle sue parole per essere tagliente quanto vorrebbe!

Sara dice:

Il mondo in cui viviamo, l'educazione che ci viene imposta, ci costringe spesso a reprimere "l'essere" a pro di un "fare" che non necessariamente ci appartiene come persone. Spesso ci dicono che siamo dei sognatori e che non combineremo mai nulla nella vita. Se non si ha la capacità di fare soldi ci tacciano per "gente di non successo" ma io non la penso affatto così: penso che una persona sia di successo quando è felice di ciò che è ed è anche in ciò che fa!!! Quando il Fare lo rende ancora più fiera di Essere.

 

E' un po' il vecchio concetto di Carriera, un pezzo dell'album Condizione Alienata: ii vive bene solo se si fa qualcosa che ci piace davvero nel profondo, si può essere felici e soddisfatti di sé solo se ci si permette di essere ciò che siamo in qualsiasi ambito della nostra vita, senza reprimerci, senza dover necessariamente convincerci di dovere essere solo quello che gli altri ci chiedono di essere!

Io sono fiera di "essere"... e non mi importa troppo di "fare"... Se il "fare" che mi viene chiesto non appartiene alla mia indole io di solito dico "no grazie". E' una scelta... un modo di vivere la propria vita!
Io Faccio solo se mi permette di essere... e mi sento pienamente in pace con la mia natura... non ho bisogno di altro! Perciò TOTALE LIBERTA' ALL'ESSERE... E NON NECESSARIAMENTE AL "LORO" FARE... CHE NON CORRISPONDE AL MIO!

Tutti le dicono che prima o poi dovrà smettere di credere di poter fare la cantante, la musicista di professione, perché è un sogno e non è reale, perché ha una certa età e perché prima o poi dovrà crescere. Ma lei pensa che loro non sono nella sua vita e che non possono capire quale sia il legame ferace che la lega con la parola, la voce e la musica. A prescindere dal successo, dai soldi, dall'età!

Il loro mondo reale fatto di lavori veri, soldi mensili regolari, ma ansie e repressioni non le interessa, non più almeno! Ci ha provato ed ha capito che non era per lei. Se loro sono felici ne è contenta ma lei non potrebbe essere felice secondo le loro regole!
Così continua a fare meno(secondo il loro punto di vista) ma ad essere di più (secondo il suo). Ad ognuno la sua natura e la sua libertà di scelta per la propria vita!

Chi può dire quale sia il Mondo Reale? Il nostro o il loro? Il Carico ha fatto un disco molto reale, chi può definirlo irreale?! E la musica, la poesia: esistono? Perché loro le definiscono non-reali? Chi è il pazzo?

IlCaricodeiSuoniSospesi.It