• Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

NON PRATICO VANDALISMO 2012

non pratico vandalismo 1. Intro   audio
2. Di-Gestione  testo audio
3. Giuliano The Cat  testo audio
4. ...  testo audio
5. Mondo Reale  testo audio
6. Libri  testo audio
7. Re-nata  testo audio
8. Letà dell'Ansia  testo audio
9. Tesla D'NB  testo audio
10. PensieriTossici&FioriDiBach  testo audio
11. MDMA (carne trita)  testo audio
12. Condizionata  testo audio
13. Pseudocattolica  testo audio
14. Aerfect  testo audio
15. Sacha Denz  testo audio
16. La Scia  testo audio
17. ...2  testo audio
18. Outro   audio
Recensioni Scarica il CD

 

IL CARICO DEI SUONI SOSPESI

Presenta
NON PRATICO VANDALISMO
Autoproduzione

Scaricabile gratuitamente in mp3 digitale da www.ilcaricodeisuonisospesi.it e in vendita a tutti i concerti e nei
negozi segnalati sul sito ufficiale (www.ilcaricodesuonisospesi.it).

Siti web principali
www.ilcaricodeisuonisospesi.it
www.myspace.com/ilcaricodeisuonisospesi
www.youtube.com/CaricoSuoniSospesi

Il Carico dei Suoni Sospesi crea un genere a parte, muovendosi tra diversi generi.
Rock, funk ed elettronica creano ne Il Carico un unico linguaggio:il proprio,pieno di influenze e commistioni
da differenti provenienze.
L'identità,seppur variegata,è forte e ben identificabile.
Il Carico dei Suoni Sospesi è vario e provocatorio nel suo sound e nei suoi contenuti,è italiano seppur
ispirandosi a realtà forse tipicamente straniere,è ironico e cinico a tratti ,ma è anche ben determinato a
portare messaggi specifici al pubblico.
L'obbiettivo è far osservare la realtà secondo prospettive differenti: realistiche ma decisamente
inaspettate,specie per un pubblico italiano.

Nel primo disco era già tutto molto evidente:la commistione dei generi e l'impatto forte dei pezzi; in NON
PRATICO VANDALISMO il Carico, rimasto in 4 componenti, diventa una macchina rock con derive funk e
metal a tutti gli effetti.

Una macchina dove l'aspetto elettronico diventa più mirato e contestualizzato.
Una macchina rodatissima, dopo molti concerti in giro per la penisola, fortemente coesa nella line up.
Il risultato è NON PRATICO VANDALISMO.

IL DISCO

"Al momento dell'entrata in studio", spiega Massimo (chitarra), "abbiamo deciso di non frenare la
fantasia, e quindi abbiamo riempito il disco di elettronica da noi suonata, tracce puramente digitali, fiati e
archi suonati dal vivo, voci e chitarre doppiate, e alcune tracce audio che citano film per noi significativi.
Il risultato è un album dalle più svariate sonorità: si va dalla drum&bass pura al funk anni '80, al grunge e al
metal. In generale comunque il contenuto del disco esplora diverse forme di rock".

IL TITOLO RACCONTATO DALLA BAND

"Non pratico vandalismo" è una frase che un giorno scrisse Sacha (basso), via mail riguardo a una
discussione sulla violenza.
In maniera scherzosa si pensò potesse davvero diventare il titolo del disco… Poi, a registrazioni concluse
fu palese che era decisamente appropriata alla nostra musica e ai nostri contenuti per questo disco: "noi
denunciamo, siamo duri e diretti ,sia coi testi che con la musica, ma tutto il nostro lavoro non ferisce e
non distrugge niente, non siamo dei vandali musicali, siamo dei musicisti assolutamente non violenti ed
assolutamente propositivi."

"Vogliamo che dai nostri messaggi venga fuori una forte sensazione di volontà di COSTRUZIONE…non
distruzione… Non vogliamo essere mal interpretati in questo! Denunciamo perché osserviamo…e
vorremmo che questo fosse costruttivo e propositivo! Tutto quello che viene detto è filtrato da un forte senso
dell'ironia,è il dolce/amaro del sarcasmo,il lato "estremo" e al contempo "buffo" della verita".

I TEMI DEL DISCO

"Al centro del disco c'è, come nel primo album, l'essere umano. Possiamo, se vogliamo, distinguere due
sfere concettuali primarie: una che parla dell'umano, l'altra che parla del mondo.Stavolta però non mancano
le visioni più personali, più legate ai sentimenti (Re-Nata, Di-gestione, Aerfect) e soprattutto alle riflessioni
sulla vita, su dove ci porta (La Scia, Condizionata, Sacha Danz) sul lavoro che facciamo (Giuliano The Cat)

tema già presente nel primo album con Carriera. L'altra metà dei temi dell'album fa riferimento quindi al
mondo in cui viviamo, che ci riempie di ansie inutili (L'Età dell'Ansia), e agli stili di vita che ci vengono imposti
(Tesla, MDMA, Mondo Reale). Il tutto è completato da citazioni dirette dei film Trainspotting e Fight Club, che
si inseriscono perfettamente il primo nella sfera dell'umano, il secondo nella sfera della società.

NON PRATICO VANDALISMO è molto diretto nella "protesta" (L' età dell' ansia, Mondo reale, Pensieri
tossici) ma anche molto più ,rispetto al disco precedente, personale ed intimista se consideriamo Di-
gestione, Re-nata e Aerfect. Non solo nei contenuti verbali ,ma anche riguardo ai contenuti sonori.

Abbiamo inoltre deciso di usare e reinterpretare estratti di film usciti qualche anno fa perchè rispecchiano
incredibilmente bene la situazione attuale dovuta a questa crisi e perchè secondo noi portano un messaggio
importante, che si affianca,completa ed accompagna il nostro."

La nostra visione della società si riflette molto nelle cose dette da Tyler(il personaggio recitato da Brad Pitt in
Fight club…) o nelle parole del protagonista di Trainspotting.

Vuole essere una provocazione,ma anche un modo per far aprire gli occhi a chi ancora non si è soffermato
ad osservare da vicino il sistema in cui viviamo.

Tutto il disco,pezzi intimistici compresi,sono un invito alla Libertà di pensiero,alla responsabilità individuale e
alla presa di coscienza nel rendersi completamente INCONDIZIONATI.

IlCaricodeiSuoniSospesi.It